Valentino. Esplosione di rosa alla Paris Fashion Week

Mentre il pubblico in attesa della sfilata di Valentino prende posto attorno al perimetro di una grande sala quadrata, tutta rosa, percorsa al centro da una pedana con saliscendi di quattro gradini, che mette a dura prova le uscite delle modelle su tacchi altissimi (una cade rovinosamente inciampando nel suo strascico), la voce di Pierpaolo Piccioli spiega in inglese ai suoi ospiti, tra cui la testimonial della maison Zendaya e il pilota di F1 Hamilton, che “nonostante il terribile momento che stiamo vivendo”, lui ha pensato che “l’unica cosa che si potesse fare era lavorare”, quindi sfilare.

Una premessa che suona quasi come una giustificazione del suo lavoro, quello della preparazione di una collezione cominciata diversi mesi fa, che coinvolge e dà da vivere a tante lavoratrici e lavoratori, in un momento in cui la guerra ha sorpreso tutti.

Anche la scelta del colore rosa per la scenografia e per l’intera collezione, potrebbe stonare con il momento drammatico che stiamo vivendo. Ma il pink di Pierpaolo Piccioli è una “scelta” individuale fatta da tempo, per il quale la Valentino ha collaborato con Pantone Color Institute, “per crearne un’identità unica”.

Il rosa scelto da Piccioli è un colore acceso, brillante, ottimista. Uno schiaffo alla noia e alla paura di un futuro incerto. E’ una tonalità di rosa al neon, una macchia di pennarello su un foglio bianco, studiata a tavolino dai geni del colore, per immortalare nel segno assoluto e irremissibile della monocromia tutto ciò che pervade. Il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli ha realizzato la nuova collezione presentata a Parigi con l’energia sperimentale di una scelta radicale: un guardaroba tutto rosa, anche per l’uomo, lo stesso punto di nuovo rosa, imparagonabile a qualsiasi altro rosa già visto, che invade e accende di luce abiti e scarpe, borse e calze, perfino il trucco degli occhi è nello stesso magico rosa.

Fonte: ansa.it