Via a Pitti Uomo 101: le novità del tailoring

pitti uomo 101

Oggi si da il via al mese dedicato alla moda uomo. Nel pieno della sicurezza, tra tamponi, green pass e mascherine si apre Pitti Immagine. La fiera arrivata all’edizione n.101 sarà aperta fino a giovedì’ 13 gennaio.

Il percorso si articola in tre aree che raccontano le diverse anime della moda maschile: il classico nelle versioni più innovative e contemporanee, poi outdoor e streetwear, e infine i brand di ricerca (con la quarta edizione di Sustainable Style, incentrata sui temi della sostenibilità e innovazione). Per l’autunno-inverno 2022-23 le proposte per il tailoring sono più confortevoli. Dimenticatevi di volumi aderenti e costrittivi e date il benvenuto a silhouettes più morbide e comode, proteggendo sempre e comunque in un morbido guscio di calore. E spesso e volentieri sono pensate per essere indossate da lui e da lei, abbracciando la tendenza genderless. Il sartoriale maschile si è decisamente evoluto, i brand giocano su  temi e colori senza una precisa referenza storica.

A Pitti Uomo 101 c’è il laboratorio Knt, acronimo di Kiton New Textures, che propone completi sartoriali ma dal tocco effortless: shirt-jacket sportive e pantaloni quasi ginnici. Anche da Lardini si privilegiano comfort e naturalezza: le giacche hanno revers più allungati o si trasformano in giacche-camicia, i pantaloni hanno una vestibilità comoda, i cappotti sono lunghi e dalle proporzioni generose. Da Cadini nasce la giacca di maglia, con lana pregiata.

Herno invece il capo destinato a diventare il protagonista assoluto è il primo modello di bomber imbottito.

Tra i tessuti si punta assolutamente al green con imbottiture riciclate e riciclabili.

Fonte: ansa.it