Le vie dello shopping europeo. Roma e Milano sono al top della classifica

Bnp Paribas Real Estate e la società di ricerche Locatus hanno studiato 34 metropoli europee per individuare le vie dello shopping più trafficate a livello di mass market (nell’infografica in alto) e di lusso.

Dall’indagine, che si è svolta in tre date fra il 4 e il 18 settembre 2021, è emerso che Oxford street, a Londra, è medaglia d’oro con il passaggio di 72.700 persone al giorno. La via riconferma il suo primato che risultava già nel 2017, quando è stata realizzato il primo survey di Bnp Paribas con Locatus.

Al secondo posto c’è Madrid con Gran Via, che totalizza 60.800 passaggi, seguita dalla londinese Regent street, che in realtà propone un mix di negozi per il mass e il luxury market e attrae 56.900 visitatori.

Corso Vittorio Emanuele II, a Milano, è quarto, con i suoi 54.600 passaggi quotidiani, davanti alla parigina avenue des Champs-Élysées, a quota 45.500.

Nella top20 c’è anche un’altra strada milanese, via Torino, con un traffico di 30.200 persone (18esima nella lista).

Per quanto riguarda le vie del lusso, nella lista delle 25 principali destinazioni dominano Londra, Parigi e Barcellona, in particolare Regent street (56.900 persone daily), avenue des Champs-Élysées (45.500) e Passeig de Gràcia (37.400).

In questa lista compare anche Roma, all’ottavo posto con via Condotti (24.100) e all’undicesimo con via del Babuino (19.000). Via Montanapoleone, a Milano, è 15esima (14.200 passaggi).

I centri urbani europei devono superare numerose sfide per ripristinare il traffico pedonale, compreso il lavoro a distanza e la lenta ripresa del turismo internazionale.

Location come Londra, Budapest, Milano o Parigi stanno moltiplicando il numero di eventi, offrendo un’esperienza senza pari. Alcune metropoli puntano alle competizioni sportive mondiali (come le Olimpiadi), per potenziare le proprie infrastrutture e promuovere il proprio stile di vita, molte offrono attività più regolari come festival musicali, eventi stagionali o speciali giornate a tema.

Con questi eventi fisici, le città sfruttano i limiti dell’esperienza digitale, che secondo gli esperti non può sostituire gli assembramenti fisici, e generano traffico rivitalizzando i quartieri.

Qual è la vostra città del cuore? Anzi, la vostra via dello shopping preferita?

Fonte: fashionmagazine.it