Il caso Lidl: perchè la limited edition è andata a ruba?

L’opinione pubblica si divide sul caso Lidl, c’è chi apprezza la collezione e chi no, ma quali sono i motivi di tutto questo successo?

Tutti avrete sentito parlare o visto immagini di lunghe code davanti ai supermercati Lidl per l’acquisto della collezione in edizione limitata composta da sneakers, tshirt, calzettoni e ciabatte, con logo del discount ben in vista.

Ora, i più attenti alla moda di certo non avranno apprezzato, ma una cosa va riconosciuta all’azienda: la grande operazione di marketing. E vi chiederete perchè? Lidl punta alla moda già da qualche anno, infatti la scorsa estate dopo alcune collaborazioni con personaggi influenti, ha lanciato la sua prima collezione di scarpe ed accessori. Ed il 16 novembre è stato il giorno del lancio della capsule in Italia, arrivato dopo il sold out in altri paesi europei come Belgio, Gran Bretagna, Germania e Finlandia. Questo ha generato pubblicità ed attesa nei consumatori italiani, che hanno voluto accaparrarsi a tutti i costi almeno un pezzo.

Si parla pertanto di una moda che rientra nella definizione democratica, capi ed accessori in linea con le tendenze ( colori sgargianti e logo in evidenza), a basso prezzo (ex il costo delle sneakers di 12,99€) e quindi accessibili a tutta la popolazione. Addirittura, i più furbi, hanno pensato al reselling online, su siti come ebay in cui il prezzo è decisamente lievitato fino ai 2.000€ ed oltre.

Lidl è presente in Italia con ben 660 punti vendita sparsi in 19 regioni, è in tutti la collezione è andata sold out in poche ore. I più sfortunati, pertanto, dovranno aspettare la prossima collezione.

L’intera opinione pubblica ne ha parlato, e tantissimi meme divertenti girano sul web che vengono ricondivisi prontamente da tutti gli utenti facendo conoscere il prodotto proposto sul mercato. E’ tutto qui il marketing dell’azienda: costo limitato che crea traffico immediato! Generando nuove presenze all’interno del punto vendita e nuovi sostenitori del brand in crescita.

Che ne pensate? Siete riusciti ad acquistare qualcosa voi?

FONTE: PAMBIANCONEWS