Haute Couture PE 2021: i look da sogno sulle passerelle

Dior, Chanel, Valentino, Armani Privè, Giambattista Valli, Schiaparelli Fendi, il resoconto dei fashion show Haute Couture Primavera-Estate 2021.

Si sono appena concluse le sfilate parigine dedicate all’alta moda. Cosa abbiamo visto? Appuntamento completamente digital, nel quale si sono alternate sfilate a porte chiuse a fashion film creati della maison per presentare la loro collezione. La creatività è stata al centro del pensiero degli stilisti, che secondo il loro stile abbinato al tema della sfilata, hanno ricreato capi di alta moda davvero incredibili, per la cura dei particolari, le perfette cuciture, la maestosità e l’originalità tipica dei pezzi unici di questo tipo di collezioni. Anche le location hanno decisamente fatto la sua parte, in armonia con ciò che veniva presentato. Un sogno dal quale è difficile svegliarsi! Ma vediamo nel dettaglio gli show:

DIOR

MariaGrazia Chiuri insieme al regista Matteo Garrone ha scelto il fashion film, per esplorare la simbologia delle carte dei tarocchi. Al centro del film per la nuova collezione haute couture primavera-estate 2021 Dior, le Chateau du Tarot girato nel castello toscano di Sammezzano. Si racconta la storia di una fanciulla che cerca se stessa interpellando gli arcani maggiori, tra le stanze ed i passaggi segreti del castello. Segni ed amuleti dei tarocchi si ritrovano nei vestiti medievali, con dei pizzi con intarsi di elementi decorativi dipinti a mano, di velluti dorati animati dal repertorio dei segni zodiacali, per arrivare a preziosi jacquard costellati da stelle lucenti, o cappe-scrigno con piume di diversi colori che diventano disegno in 3D.

Valentino

Il direttore creativo Pierpaolo Piccioli insieme alle sapienti mani dei sarti della sua maison hanno presentato la loro collezione Code Temporal, nella Sala Grande di Galleria Colonna, sulla soundtrack composta da Robert Del Naja di Massive Attack. Dal nome stesso si intuisce il pensiero che sta dietro, “creare degli oggetti per la moda del futuro”. Degli abiti sartoriali definiti crossegender, che possono essere indossati sia da donne che da uomini. Sfilano dolcevita, giacche, bluse e pantaloni, in alternanza a silhouette dal design più concettuale tra cui abiti scultorei a ruota, capispalla origami e pezzi dai volumi generosissimi. 

Chanel

Sfilata a porte chiuse per la maison parigina. Virginie Viard pensa ad una festa di matrimonio nel Grand Palais a Parigi, riempito di petali di fiori sul pavimento e archi floreali tutt’attorno alla passerella. Le sole ospiti a cui è consentito partecipare sono le testimonial del brand: la principessa Charlotte Casiraghi, Penelope Cruz, Marion Cotillard, Vanessa Paradis e Lily-Rose Depp. Le modelle/invitate e le damigelle del corteo nuziale indossano abiti a balze in pizzo floreale, vestiti con gonne a corolla molto New Look, giacchette in bouclè laminati e gilet ricamati su pantaloni morbidi. dai colori tenui. Il gran finale con la sposa che arriva su un cavallo bianco, indossando un abito bianco ispirato agli Anni 20 e declinato in crêpe di raso ecrù ed un velo tempestato da cristalli.

Armani Privè

Giorgio Armani presenta la sua nuova couture “Omaggio a Milano” a palazzo Orsini, cuore del suo atelier di alta moda. L’eleganza si nota sin dai primi look in passerella, tailleur gioiello in seta, cashmere e lamé, tutti bordati di fili di cristalli. Seguono i capolavori in velluto di seta tutti ricamati di cristalli, tuniche scivolate di satin con collane-gilet, abiti con scollo ornato di ventagli di plissé incrostati di gemme, creazioni di tulle con cascate di jais, pantaloni sottili e lunghi top con motivi di fiori o conchiglie. Dai colori canonici come il rosso magenta al verde acqua, dal grigio al greige fino al blu cobalto. Colore del meraviglioso abito di tulle corteccia costato 3 mesi di lavoro, che chiude la sfilata. La moda non è un’operazione a scopo di lucro ma è un mantenere il contatto con la bellezza, ciò che la moda dovrebbe essere, commenta così il re della moda milanese.

Giambattista Valli

Il re del tulle ancora una volta punta al sogno. Dalle luci, i colori di Siviglia, scorgono gli abiti romantici fatti di metri di stoffa sovrapposti scolpiscono la silhouette femminile. Capolavori adornati da ruches a cascata, volant, petali di fiori. Le nuance scelte sono pastello, rosso, rosa, il candido bianco ed il nero, tipiche del capoluogo andaluso. Lo scopo della Maison è quello di invitare il pubblico ad un momento di introspezione riflettendo sull’importanza dei semplici gesti.

Schiaparelli

Presentata con un video, la collezione pensata da Daniel Roseberry per Schiaparelli. Viene esaltato il corpo delle donne ed i loro muscoli. Un omaggio alla fisicità con gli abiti che sono come corpi scolpiti. Il direttore creativo con la sua eccentrica eleganza sartoriale, presenta colori, gioca con le forme ed i tessuti, i volumi importanti, per sottolineare l’idea dell’abito come opera d’arte.

Fendi

Attesa per il debutto di del nuovo direttore creativo Kim Jones per le collezioni Fendi Couture e Prêt-à-porter Donna. La collezione haute couture Primavera-Estate 2021 della casa di moda romana, prende come spunto le pagine di Orlando, una lettera d’amore scritta da Virginia Wolf a Vita Sackville-West. La passerella è labirintica con pareti di plexiglass, scaffali di libri e un pavimento erboso, una riproduzione del libro. Da qui il viaggio nel tempo, il legame tra passato e futuro che caratterizza anche i codici stilistici della maison. Questo tema si riflette non solo sulle creazioni presentate, ma è visibile dalla scelta delle modelle. Lo show viene infatti aperto da Demi Moore di nero vestita, a seguire Bella Hadid, Kate Moss preceduta dalla figlia Lila, Cara Delavigne, e Naomi Campbell. ll passato viene segnato della famiglia Fendi con Leonetta Luciano Fendi e Delfina Delettrez Fendi, nelle vesti di modelle.

Cristina

FOTO: VOGUE.IT