Michael Kors salterà la New York Fashion Week

Lo stilista americano annuncia di voler far da solo, non presentando la sua collezione con la consueta sfilata all’interno della settimana della moda newyorkese ma opta per una presentazione tra ottobre e novembre.

Di recente la voce di molti stilisti si è fatta sentire riguardo i ritmi incontrollabili e troppo veloci a cui la moda è stata sottoposta negli ultimi anni. Il primo a gridare al cambiamento è stato Giorgio Armani, seguito da Dries Van Noten, Alessandro Michele per Gucci e  Anthony Vaccarello per Yves Saint Laurent.

Arriva la decisione anche da parte di Michael Kors. Il designer annuncia di voler uscire dal calendario ufficiale della New York Fashion Week prevista per settembre, programmando invece una presentazione tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre. Staccandosi così ufficialmente dalle sfilate programmate. Lo stilista afferma a riguardo:

Da tempo penso che il calendario della moda debba cambiare. Apprezzo il dialogo attualmente in corso all’interno della fashion community, che ha coinvolto nomi come Giorgio Armani, Dries Van Noten, Gucci e Ysl, sul calendario, su come sia necessario rallentare e migliorare il nostro modo di lavorare. Abbiamo tutti avuto il tempo per riflettere e analizzare la situazione e penso che molti concordino sul fatto che sia il momento di un nuovo approccio a una nuova era.

Inoltre aggiunge la volontà di posticipare anche le consegne negli store della collezione che saranno programmate a ridosso delle rispettive stagioni in base alle esigenze del consumatore.

È necessario dare al consumatore il tempo di metabolizzare le consegne della fall, che arriverà in negozio a settembre, e non confonderlo con una sovrabbondanza di prodotti in aggiunta, nuove stagioni e immagini. Prima della fine degli anni Novanta, le collezioni primaverili erano presentate a New York tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, dopo gli show di Parigi. Questo calendario si è mantenuto invariato per decenni e ha funzionato piuttosto bene. Specialmente in questa epoca di social media, presentare le collezioni in prossimità di quando saranno consegnate sul mercato ha, a mio parere, più senso logico.

Una vera e propria rivoluzione si sta attuando nel sistema moda dopo la pandemia che ci ha colpiti duramente. Cosa cambierà realmente e cosa rimarrà del sistema precedente?

Fonte: MFFASHION.COM